Chi non vorrebbe una pelle splendida e meno rughe esistenziali?


Questa canzone parla della disgrazia dell’essere esseri pensanti. Del dramma dell’umanità: la ragione, che colpisce alcuni più di altri.

Stringimi madre
Ho molto peccato
Ma la vita è un suicidio
L’amore un rogo

Siamo tutti peccatori, qualcuno ci pensa più spesso degli altri. Qualcuno è più colpevole perché ha una coscienza di sé maggiore. Io ammetto di aver fatto male. La vita è un groviglio dove anche una cosa bella come l’amore, se affetta da ragione sarà fonte di brucianti dolori.

E voglio un pensiero superficiale
Che renda la pelle splendida
Senza un finale che faccia male
Coi cuori sporchi
E le mani lavate
A salvarmi
Vieni a salvarmi
Salvami
Bacia il colpevole
Se dice la verità
Ma si

E io vorrei in dono un po’ di superficialità. Preoccuparmi solo del traffico andando a lavoro o di cosa penserà il vicino di casa di me e della vita che faccio. 
Perché considerazioni più profonde fanno inevitabilmente soffrire chi le padroneggia. E finisce sempre male. Se invece fossimo solo più sciocchi, i nostri cuori sarebbero più leggeri e non colmi del marcio che appartiene a tutti, solo che alcuni non sanno guardarlo e pensano di avere mani e coscienze pulite. 
Ma tu madre puoi salvarmi e perdonarmi come facevi quando da bambino rompevo un giocattolo nella foga di sfruttarlo fino in fondo e non era colpa di nessuno, alla fine, mi spiegavi e mi tornava il sorriso dell’innocenza, che appartiene solo a piccoli e stolti. 
Vieni, baciami e perdonami a nome delle mie vittime, anche ora che sono grande.

Passo le notti
Nero e cristallo
A sceglier le carte
Che giocherei
A maledire certe domande
Che forse era meglio
Non farsi mai

Il pensiero toglie il sonno e dona rughe e occhiaie. 
La notte immagino la prossima mossa che poi non farò, in un gioco fatto solo di ipotesi e logorio. 
Che forse è meglio svegliarsi e agire in preda agli odori e agli istinti.
Se solo non mi fossi mai chiesto cosa sarebbe giusto fare.

E voglio un pensiero superficiale
Che renda la pelle splendida
A salvarmi
Vieni a salvarmi
Salvami
Bacia il colpevole
Se dice la verità
Mercy

Sottraetemi la complessità e fatemi pensare solo a cosa cucinare per cena. Che la superficialità ci rende più belli. 
Madre, salvami come facevi quando ero piccolo e un bacio portava via la bua e le lacrime, se solo confessavo di aver corso per le scale, ma solo perchè era pronto in tavola e non è una colpa avere fame. Anche quando non si tratta di cibo. 
Perdonami se confesso, madre. Con un bacio che mi faccia sentire leggero per un attimo, se confesso, abbi pietà.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.