Mese: Gennaio 2018

Maria Antonietta con Deluderti rivendica il valore della complessità

Possiamo fare tutto per amore, tranne che fingerci scemi Maria Antonietta non si sentiva da un po’ in giro, nemmeno nel sottobosco indi. Ma il suo ultimo promette molto bene. Gli ingredient sono gli stessi: un po’ di spocchia, Dio, la festa e cose così. Il nuovo singolo di Letizia Cesarini, la marchigiana dai capelli corvini …

Maria Antonietta con Deluderti rivendica il valore della complessità Leggi tutto »

Gabbani ha smesso di ballare e ha iniziato a ricordare

La mia versione dei ricordi parla del tesoro che ci lascia qualcuno che non c’è più Un’amica mi ha chiesto di parlare di questa canzone. Io ci ho visto, anzi sentito, un uomo che combatte con i denti contro le intemperie del tempo che corrodono e rovinano tutti i paesaggi, anche quelli della mente. Presto il …

Gabbani ha smesso di ballare e ha iniziato a ricordare Leggi tutto »

Albascura è il ritratto di una disperazione consapevole

I subsonica sono esperti conoscitori dei Murazzi, della notte torinese che ormai non è che un ricordo, del disagio che la animava Quest’avventura di che cosa parla veramente una canzone, mi sta facendo fare grandi scoperte, anche su canzoni che ascolto da sempre, ma spesso senza fare troppo caso al significato. Tipo Albascura. È sempre stata …

Albascura è il ritratto di una disperazione consapevole Leggi tutto »

Tutti vorrebbero una come Vera Nabokov a fianco

Incapacità affettive e sbalzi di umore fanno dell’amore la malattia mentale più diffusa I Cani, aka Niccolo Contessa, nel suo album Glamour canta di generazioni che crescono e nessuno è mai preparato. Dopo l’età delle incertezze, c’è quella delle disillusioni e delle richieste di aiuto, perché da soli e impossibile. Io e teabbiamo sempre vissutoin un …

Tutti vorrebbero una come Vera Nabokov a fianco Leggi tutto »

I CCCP cantavano la crisi delle nostre generazioni venti anni prima che arrivasse

Io sto bene ci racconta del disagio di chi non sente più nemmeno se stesso Una canzone degli anni’80, ma se la leggiamo in chiave terzo millennio, possiamo scovare un’altrettanto valida interpretazione. Veste benissimo la nostra gioventù confusa su quello che voglia dire percepire sé e la propria condizione, rispetto a quello che (non) sogniamo, che …

I CCCP cantavano la crisi delle nostre generazioni venti anni prima che arrivasse Leggi tutto »